26 Mar
  • By Anna Minola
  • Cause in

I NOSTRI OSPITI MAESTRI D’ARTE A LILLIPUT

il tema di quest’anno del villaggio creativo di Lilliput era l’inclusione sociale. La nostra Cooperativa è stata invita, insieme ad altre organizzazioni, da Elena Bernaccino  (già coordinatrice del progetto “Liberi di Fare”) ad animare uno stand nel quale i nostri ospiti potessero insegnare ai bambini nuove forme di espressione artistica. Che grande occasione questa per significare e nobilitare il lavoro che il Coordinamento dei Laboratori artistici svolge durante tutto l’anno. Sette dei nostri servizi hanno partecipato. Ecco le loro riflessioni sull’esperienza

 

Quando ci hanno proposto di avere un laboratorio all’interno di Lilliput abbiamo accettato con entusiasmo perchè dopo anni di lavoro con i disabili sappiamo che l’inclusione è un ambito molto importante.

Serviva trovare un’attività non competitiva in cui i nostri ospiti potessero confrontarsi con i bambini, entrare in relazione attraverso la creatività, l’arte infatti è fatta di diversità e permette alle persone di liberare sè stesse e sentirsi liberi di esprimersi, al di là dei condizionamenti culturali. Attraverso l’arte si intende favorire l’incontro e la conoscenza tra le persone, per far sperimentare delle situazioni in cui ogni individuo può esprimere sè stesso, nella propria identità. Si tratta allo stesso tempo, di offrire un percorso laboratoriale all’interno del quale la persona con disabilità può impiegare positivamente il prorpio tempo libero, ma anche di promuovere una reale inclusione sociale.

Si è pensato quindi di creare piccoli quadri con oggetti di scarto ritagliati (carta, stoffa, feltro), perline, rose….. in cui ognuno, disabile o no, potesse creare in autonomia.

Il laboratorio è stato per noi un successo. tutti i ragazzi hanno partecipato con interesse alla realizzazione dell’elaborato e, sentendosi all’altezza del compito si sono spinti oltre, aiutando i bambini presenti allo stand e interagendo con loro: passavano i materiali e aiutavano con la colla.

Alla fine ognuno ha potuto portare a casa il proprio elaborato che oltre a racchiudere in sè la grande creatività dei bambini e dei nostri ospiti (che conservano in loro quella creatività spontanea e priva di condizionamenti) è il risultato di un’inclusione riuscita perfettamente.

Le educatrici Anna e Stefania e gli ospiti del CDD Zogno

 

 

CDD SERIATE

come è andata la nostra giornata a Lilliput?

 

il nostro gruppo ha partecipato il  17, venerdì mattina, con un laboratorio di costruzione di segnalibri.

ci aspettavamo molti più bambini ma non c’era una grande affluenza. nonostante ciò, i bambini che si sono fermati a lavorare con noi sono stati veramente felici e coinvolti! non si sono posti nessun tipo di problema: non hanno avuto nessun pregiudizio rispetto alla diversità che portavamo! anzi la diversità loro proprio non l’hanno neanche percepita. e questo atteggiamento andrebbe preservato!

più difficoltà negli occhi degli adulti che qualche volta sono stati titubanti nel fermarsi e a volte hanno preferito non farlo!

sicuramente d’aiuto l’accoglienza di Elena (Bernaccino n.d.r) che ci ha fatto sentire molto a nostro agio!

esperienza positiva e da ripetere!

 

Il Cdd Fior di Cristallo a Lilliput

(a cura di Laura P.)

 

Giovedì 16 marzo siamo stati a Lilliput, alla fiera di Seriate, non come visitatori ma come esperti.

Abbiamo condotto per i bambini delle scuole dell’infanzia e primarie, un laboratorio di riciclo con la carta: segnalibri ad angolo e coniglietti pasquali.

Siamo arrivati la mattina e abbiamo fatto un giro a vedere i vari stand, siamo saliti sui mezzi delle forze armate e abbiamo pranzato al sacco.

Poi abbiamo preparato il materiale nello stand predisposto da Elena Bernaccino, già coordinatrice del progetto “liberi di fare” , dove nelle quattro giornate si sono alternati diversi servizi sulla disabilità.

Poco dopo aver preparato i tavoli sono arrivati i primi bambini e ci siamo subito dati da fare per insegnare loro a realizzare gli elaborati proposti. Nell’arco del pomeriggio sono stati con noi tanti bambini e tutti ci hanno seguito con attenzione, riuscendo a portare a casa ognuno un proprio oggetto.

Noi siamo stati bravissimi nel mostrare le tecniche da utilizzare e nell’aiutarli quando erano in difficoltà. E’ stato bello anche se faticoso!!!

Nel nostro stand c’era anche un cartellone dove chiunque poteva lasciare un segno con i gessi colorati e un altro dove si poteva lasciare l’impronta della mano con la tempera.

Prima di andare abbiamo fatto un altro giro e alcuni di noi si sono fatti fare delle finte ferite, con trucchi magici da volontari della Croce Rossa.

Per noi è stata una bella esperienza perché abbiamo mostrato quanto siamo bravi a fare questi lavori e ad insegnare agli altri. E’ stata una bellissima giornata!

 

Lilliput visto dalla RSD di Piario

 

 

Siamo stati a Lilliput nelle giornate di Sabato e Domanica. La partecipazione prevedeva un laboratorio di pasta colorata da infilare per fare delle collane. Questo lavoro ha richiesto la preparazione del materiale necessario durante i laboratori creativi.

Abbiamo comprato della pasta (maccheroni, pennette) e l’abbiamo colorata con delle tempere di 5 colori: bianco, verde, blu, giallo e rosa. Abbiamo riempito ben 5 cartoni divisi per i vari colori: pensando che ci sarebbe stata un’affluenza importante abbiamo deciso di averne in grosse quantità.

Abbiamo comprato degli scubidu. Lo scopo era quello di scegliere il colore della collana da creare e i colori della pasta che si desiderava infilarle. Gli ospiti che hanno partecipato al laboratorio (Orietta Moraschini, Massimo Fumagalli, Locatelli Norina) sono stati entusiasti, il lavoro è stato copioso e a tratti incessante, ma la gioia di aiutare i bambini a infilare la pasta è stata enorme. Nella giornata di domenica, dove l’affluenza è stata maggiore, c’era perfino la colonna di bambini che aspettava di fare la propria collana. Quando abbiamo finito il lavoro e siamo andati a pranzare al sacco nella struttura adiacente, al nostro ritorno la referente di “liberi di Fare” (che ci ha coivolti nella partecipazione a Lilliput) ha detto che alcuni bambini ci cercavano perchè volevano fare altre collane!!! Quindi l’esperienza è stata più che mai un successo. Abbiamo già nuove idee creative per l’anno prossimo sperando che si ripresenti ancora l’occasione di partecipare.

 

CDD BONATE

 

In data 16 marzo il c.d.d di Bonate Sotto ha partecipato alla fiera di Lilliput, proponendo il laboratorio

“pon pon mostruosi”.

Il gruppo era composto da 4 ospiti e 2 educatori e il laboratorio si è svolto dalle 10.00 alle 12.30.

Gli ospiti hanno partecipato con molto entusiasmo e si sono rapportati in modo adeguato con tutti i bambini coinvolti.

Molto positiva è stata la partecipazione in modo attivo di tutti i bambini, compresi in una fascia d’età tra i 4 e i 9 anni.

E’ stato molto gratificante per tutti partecipanti poter portare a casa quanto realizzato.

Per gli ospiti è stato un’esperienza molto interessante, dove potersi sperimentare in un contesto ludico e coinvolgente.

Inoltre il laboratorio ha riscosso molto interesse anche da parte delle insegnanti, visto che poteva essere una proposta didattica da poter riproporre all’interno dei propri gruppi classe.

Nel pomeriggio il gruppo di ospiti insieme agli educatori, dopo aver pranzato ha partecipato ad alcuni laboratori ed esperienze proposti dai vari stand della fiera.

I ragazzi si sono divertiti molto e hanno potuto sperimentarsi anche in alcune attività sportive.

Visto la positività di questa esperienza, se fosse possibile aderiremo anche in futuro

RSD BONATE

L’esperienza è stata molto positiva e stimolante. Il laboratorio musicale ha avuto decisamente successo, con un’affluenza ininterrotta di bambini dal nostro arrivo, fino alle 12.30.

Gli ospiti si sono dimostrati non solo entusiasti dal progetto, ma molto coinvolgenti per i bambini: li hanno accompagnati nella scoperta degli strumenti ed hanno suonato con loro.

Ottima la collaborazione con la dott.ssa Bernaccino sempre presente allo stand per ogni eventuale problema.

CSS RAINBOW

Gli ospiti del Consorzio La Cascina hanno portato a Lilliput un piccolo lavoro del loro laboratorio di falegnameria domenica 19 marzo: festa del papà.

Abbiamo pensato di condividere attraverso il lavoro piccoli gesti di cura e affetto…Da parte dei nostri ospiti  nel coinvolgere i numerosissimi bambini nella costruzione di un piccolo cavalletto di mollette di legno e nella creazione di un mini quadro …e da parte degli stessi bambini nei confronti del loro genitore…Sono state tre ore intense di lavoro e una esperienza significativa per ciascuno di noi…perchè la soddisfazione e la gratificazione  di un lavoro ben fatto è sempre la stessa, e l’abbiamo sentita tutti..dalla voce dei bambini: “Questo l’ho fatto io! te lo regalo!”

 

safe_image.php-3 safe_image.php-2 safe_image.php